Il Posizionamento dipende anche dalla velocità

turbo Non c'è dubbio, Google ha ufficialmente messo in funzione la sua applicazione, chiamata Page Speed (http://developers.google.com/speed/pagespeed/insights/), per attribuire un punteggio al sito web analizzato sulla base della velocità e ottimizzazione del codice. Infatti è proprio uno dei parametri di navigazione determinanti che Google tiene in considerazione per una user-experience positiva; nessuno vuole mai attendere 3 minuti per il caricamento di una pagina. Dopo aver digitato nell'apposito campo l'indirizzo del proprio sito web, il sistema ci comunica il punteggio ricevuto e una serie di consigli a diversa priorità, per migliorare il proprio voto. Alcune di queste attività sono da effettuarsi lato-server come la compressione gzip e il caching del browser. Le operazioni che si posso fare onsite sono di attivare l'elaborazione asincrona del codice javascript e la compressione dei file JS e CSS. Una delle operazioni più impegnative è anche quella di trasformare (se non lo avete già fatto) gli elementi grafici in Sprite. Gli Sprite sono delle immagini più grandi che contengono al loro interno gli elementi grafici che compongono le pagine e che vengono poi "mascherati" (masked) con il codice CSS prendendo solo la parte del file che interessa. La cosa interessante è che grandi siti web come Apple e Microsoft non sono messi molto bene... ovviamente la velocità non è l'unico fattore che Google tiene in considerazione nella valutazione complessiva di un sito web, ma sicuramente per tutti i siti web che "soffrono" di penalizzazioni o non hanno un buon posizionamento, migliorare la velocità di caricamento può aiutare.

Curiosità e Note sull'applicazione Page Speed OnLine

  • Google dichiara che l'applicazione online è diversa da quella inserita in FireBug di Firefox o altri applicativi analoghi, in quanto utilizza un diverso User-agent e simula il consumo di CPU del rendering del sito web.
  • Esiste l'opzione (proprio sul bottone analizza) per simulare la velocità anche per i dispositivi mobili, un altro passo che compie Google a favore del Mobile.
  • Quando si effettuano i cambiamenti sul Server non si nota nessuna variazione nel Page Speed OnLine perché i risultati dell'applicazione vengono cachati e quindi aggiornati solo dopo alcuni minuti (non si sa bene quanti).
  • Leggendo le FAQ di Google riguardo all'applicazione, è consigliato usare lo strumento online piuttosto che le estensioni per Chrome e Firefox in quanto il risultato dipende anche dal client sul quale sono in esecuzione (per esempio alcuni Firewall o proxy possono impedire il passaggio di dati gzip).

Articoli correlati