Comprare follower sui social network: ecco perché non conviene

carte

Cedere alla tentazione è facile. Comprare follower sui social network è un’operazione facile e veloce, eppure non è la scelta giusta, vediamo perché.

Il parametro più utilizzato per definire il successo di un profilo è indubbiamente il numero di follower. O almeno questo è quello che pensa chi muove i primi passi nel mondo del social media marketing. In fondo il fine, il motivo per cui si decide di aprire un profilo aziendale sui social network è quello di farsi notare, guadagnare online, diventare influencer. Un maggior numero di follower significa farsi sentire da un maggior numero di persone, da una platea numerosa.

Bene. Comprando il follower la platea potrà senz’altro essere numerosa, ma quanto sarà attenta a ciò che si ha da dire? Probabilmente molto poco. Il target di riferimento devono essere funzionale, reale, se vogliamo che si interessino al nostro profilo, altrimenti i risultati sperati, molto semplicemente, non arrivano. Per farla breve vale molto più un follower vero, attivo, disposto a commentare, a seguire e a interagire che 10 follower fittizi.

Inoltre comprare follower è come venire meno ai principi base dei ogni social network, in pratica si sta barando, non è affatto etico. Non c’è impegno, non c’è attività degna di nota, non ci sono post interessanti, niente di ciò che serve a diventare un vero e proprio influencer. Un influencer non si misura infatti dal numero dei follower, o almeno, non solo da quello, ciò che conta sono le interazioni, il rapporto con i fan e i commenti.

Per non parlare poi del fatto che se si passa da un giorno all’altro da 100 a 3.000 follower tutti si accorgeranno che quei follower sono stati comprati. E così non ci si fa certo una bella figura! Nessuno si fida di chi imbroglia.

Quindi, posto che comprare follower è un passo falso, come si fa ad aumentare il numero dei propri follower? È un’operazione che richiede tempo, costanza e creatività ma che, se fatta bene, darà i suoi risultati.

  • Scegliere bene gli hashtag, sono uno strumento ottimo per mettere in risalto i contenuti nei giusti circuiti,
  • Partecipare alla vita della community, farsi vedere e sentire lasciando commenti e apprezzamenti.

  • Creare relazioni virtuose su forum e gruppi social partecipando attivamente e in prima persona
  • Non dimenticare di inserire i profili social sul sito, il blog aziendale ma anche su firme digitali, bigliettini da visita e presentazioni
  • E soprattutto raccontare una storia vera, reale, appassionate creando uno stile inequivocabile che dia vita a una narrazione lineare, creativa, stimolante, emozionante.

Articoli correlati